Unlimited WordPress themes, graphics, videos & courses! Unlimited asset downloads! From $16.50/m
Advertisement
  1. Code
  2. WordPress
Code

Cos'è WP-CLI? Una guida per principianti

by
Difficulty:BeginnerLength:LongLanguages:

Italian (Italiano) translation by Mirko Pizii (you can also view the original English article)

WP-CLI è stato attivo per un bel po' di tempo (circa il 2011) e ha acquisito un impulso costante nella comunità di sviluppatori di WordPress. Ma che cosa è esattamente e come si può utilizzare nel flusso di lavoro di WordPress?

L'idea dietro WP-CLI è che ti consente di interagire e gestire siti di WordPress tramite un'interfaccia a riga di comando. Secondo la documentazione ufficiale, è una linea di comando alternativa all'uso dell'interfaccia utente admin tradizionale di WordPress.

L'approccio della riga di comando ha un senso come si può normalmente fare su un computer molto più velocemente tramite la riga di comando e il WP-CLI non è diverso. Se hai mai usato la riga di comando in Windows o Terminale su macOS, allora ti sentirai proprio a casa utilizzando WP-CLI.

Tuttavia, questo è un tutorial rivolto a principianti, quindi non preoccupatevi se non siete un guru di riga di comando. Se non hai mai usato WP-CLI o la riga di comando prima, allora sei in buona compagnia e sicuramente nel posto giusto!

Prima di andare avanti, ho una confessione da fare. Come ho accennato sopra, non ho mai usato WP-CLI prima ad ora! L'ho conosciuto per un po' e sono stato impaziente di provarlo, ma mai ho pensato di installarlo e usarlo. Fino ad ora, che è...

Così saremo letteralmente in questo insieme e lavoreremo su come utilizzare WP-CLI insieme come completi principianti. Sono davvero curioso di vedere come WP-CLI si inserisce nel mio flusso di sviluppo di WordPress esistente e se può aiutare a migliorare la produttività.

Sei pronto per cominciare? Ok allora, cominciamo!

Installare WP-CLI

L'installazione di WP-CLI per la prima volta può sembrare un po' scoraggiante. Ho dovuto leggere le istruzioni di installazione un paio di volte prima di avere un senso. Ma, come lo scopri, non è poi così difficile una volta che hai capito esattamente quello che richiedi.

Per cominciare, abbiamo bisogno di ottenere l'ultima versione di WP-CLI. Il metodo consigliato per eseguire questa operazione è quello di scaricare il WP-CLI come file Phar tramite la riga di comando. Questo è solo un file di archivio contenente tutti i file PHP necessari per eseguire WP-CLI, tutto avvolto in un unico comodo file pronto per noi per scaricare.

Installazione su macOS

Apri una finestra del terminale e digita quanto segue:

Questo scaricherà il file Phar WP-CLI sul tuo computer. Diamo un'occhiata se tutto è OK testando l'archivio WP-CLI.

Dovresti vedere un output simile al seguente:

Per rendere l'uso di WP-CLI più conveniente, vogliamo essere in grado di usarlo da qualsiasi posto e via il comando in forma di scorciatoia come ad esempio wp invece di dover digitare wp-cli.phar ogni volta.

Possiamo farlo attraverso i seguenti due comandi:

Ora prova ad eseguire wp --info in una finestra del terminale (puntando in qualsiasi cartella). Se vedi lo stesso output come prima quando hai eseguito php wp-cli.phar --info allora sei nel business. WP-CLI è impostato ed è pronto per l'uso!

Ci sono altri modi in cui puoi installare WP-CLI, come via Composer, così potresti guardare i metodi alternativi se stai lottando con il metodo consigliato di impostazione predefinita.

Installazione su Windows

L'installazione su Windows è leggermente più complessa, come PHP che non è disponibile dalla riga di comando per impostazione predefinita. È possibile installare PHP manualmente, ma il modo più semplice consiste nell'utilizzare un server di sviluppo locale come ad esempio MAMP perché PHP viene installato automaticamente come parte del pacchetto globale.

Una volta che PHP è disponibile sul vostro sistema, allora avrai bisogno di trovare il percorso dell'eseguibile PHP e dovrai renderlo disponibile a livello globale (questo è trattato in dettaglio nel manuale di PHP).

Con PHP installato e disponibile da qualsiasi cartella, scaricare manualmente il file wp-cli.phar e salvalo in una cartella come c:\wp-cli. Per poter eseguire WP-CLI tramite il comando di wp proprio come abbiamo fatto su macOS, crea un file batch denominato wp.bat all'interno della stessa cartella dove è stato salvato il file di archivio wp-cli.phar.

Aggiungi questo al file batch:

Infine, aggiungi c:\wp-cli al tuo percorso globale:

WP-CLI dovrebbe ora essere disponibile da qualsiasi finestra di riga di comando.

Un modo ancora più semplice!

Se ti senti un po' perso in questo momento, allora, forse, ho un'ancora di salvezza per voi. Se sei un utente di DesktopServer allora WP-CLI è estremamente facile da configurare. Da DesktopServer 3.8.2, è disponibile un nuovo plugin di sviluppo che installa il WP-CLI su tutti i siti di sviluppo!

Installing WP-CLI Using DesktopServer

Una volta attivato, è possibile accedere il WP-CLI tramite la lista principale del sito DesktopServer, o la barra degli strumenti di WordPress.

Access WP-CLI via the web browser
Accessing WP-CLI via WordPress

Se disponi dell'accesso a DesktopServer, consiglio vivamente l'installazione di WP-CLI in questo modo, come esso è di gran lunga il più semplice metodo di installazione. Ho usato DesktopServer per l'ultimo paio di anni, quindi io sono fortunato che l'installazione di WP-CLI è stato un gioco da ragazzi per me.

Utilizzare WP-CLI in remoto

Questo tutorial è rivolto ai principianti che sono nuovi al WP-CLI, utilizzando un'installazione locale di WordPress. Tuttavia, se si desidera eseguire comandi su un server remoto (vale a dire un sito WordPress attivo) allora è possibile andare avanti se avete installato WP-CLI.

È necessario essere in grado di connettersi al server tramite un client SSH e avere i dettagli di accesso dell'account hosting. Una volta connesso, sarai in grado di utilizzare tutti i comandi di WP-CLI in questo tutorial.

Vale la pena di contattare il tuo host per vedere se supportano il WP-CLI come l'installazione che sarà molto più semplice.

Prova le acque

Speriamo che da ora avrai installato WP-CLI, nel qual caso potrai rilassarti un po' visto che hai fatto la parte più difficile!

Apri una finestra della riga di comando nella cartella principale del sito web WordPress dove vuoi lavorare, dovrebbe risultare simile alla schermata qui sotto.

Preparing to use WP-CLI

Un vantaggio di DesktopServer è che si apre automaticamente una finestra di comando che punta alla cartella del sito di WordPress principale. Ho pensato che fosse un bel tocco, soprattutto se si lavora su più siti.

Ora mettiamo alla prova la nostra installazione di WP-CLI. Questo è il nostro primo comando...

Quindi, per accedere a WP-CLI, si digita wp seguito da un comando e/o il parametro. Se wp è inserito, otterrai solo una lunga lista di comandi disponibili e parametri (che non compariranno qui, ma provate voi stessi).

Il nostro primo comando conteneva un parametro. La differenza è che un parametro è preceduto da due trattini. La chiave per WP-CLI è che quasi tutti i comandi contengono comandi secondari (e parametri). Questa gerarchia è molto ben organizzata ed è facile da capire e seguire.

Tutti i comandi seguono una struttura simile, così una volta che hai imparato un paio di comandi lo troverete facile da espandere per apprendere più comandi. Il resto di questo tutorial sarà imparare alcuni comandi e parametri disponibili in WP-CLI.

Diamo un'occhiata ai pochi comandi base di WP-CLI e al loro output, per avere un'idea di come funziona.

Per prima cosa, otteniamo la versione corrente di WP-CLI che stiamo eseguendo.

wp --version

Possiamo eseguire un comando simile per trovare la versione corrente di WordPress.

Che ne dici di un elenco di tutti i temi attualmente installati?

Nota su come otteniamo informazioni utili, ad esempio lo stato di un tema e la sua versione, così come se è disponibile un aggiornamento.

Possiamo fare lo stesso per i plugin.

Possiamo fare uso di parametri per definire l'elenco dei plugin.

Qui abbiamo un parametro che richiede uno o più valori da specificare. Questo è molto comune, e ci si abituerà a questo molto rapidamente. In questo caso, elenchiamo solo i campi che abbiamo voluto mostrare (nome, versione).

Possiamo anche mostrare solo i plugin che soddisfano criteri specifici.

Questo restituisce semplicemente di nuovo tutti i plugin così come sono tutti attualmente inattivi. Cambieremo questo tra poco quando cominciamo a immettere i comandi per gestire plugin (e temi).

Avrai notato nei comandi di sopra che ci sono due parole di comando utilizzate (plugin e list). Se digiti wp plugin, questo non verrà eseguirà un comando ma l'elenco di tutti i sotto-comandi di wp plugin. Provate voi stessi.

Quindi il comando list è solo uno dei diversi sotto-comandi disponibili per il comando 'padre' plugin. Molti altri comandi funzionano in modo simile.

Digita wp core e wp theme per vedere una lista anche dei loro sotto-comandi.

È anche possibile utilizzare più parametri sulla stessa linea. Ad esempio, se abbiamo voluto elencare plugin con aggiornamenti disponibili e limitare l'output dei campi, possiamo combinare i parametri su una singola riga come segue:

Per impostazione predefinita, si ottengono risultati di un comando di WP-CLI emesso in formato tabella, ma questo può essere facilmente modificato per JSON o per valori separati per virgola (CSV) utilizzando il parametro --format.

Ora che abbiamo un modo su come inserire i comandi di base di WP-CLI, vediamo come possiamo fare alcune utili attività di admin di WordPress tramite riga di comando.

Plugin e temi

Il vero potere di WP-CLI diventa chiaro quando si inizia a manipolare WordPress tramite riga di comando. In questa sezione vedremo come sia facile l'installazione/rimozione ed attivare/disattivare i plugin e temi via WP-CLI.

Per plugin e temi ospitati nel repository di WordPress, basta inserire il nome dopo il comando install come segue:

Restituiamo ora in output un elenco di plugin ancora una volta, per assicurarci che è stato installato Jetpack, ma questa volta solo la lista con il nome dei plugin.

Possiamo installare i temi in modo simile:

E andiamo a controllare solo se il tema Twenty Eleven è stato installato correttamente:

Per plugin e temi ospitati altrove, basta inserire il percorso completo al file zip. Il nome del plugin/tema è in realtà lo slug, che è comodo da ricordare se il tuo nome plugin/tema è composto da più di una parola.

Ad esempio, per installare il plugin Theme Check dal repository di WordPress:

Per attivare un plugin, usa il comando activate.

Oppure puoi installare e attivare un plugin tutto su una riga.

Per cancellare un plugin, usa il comando delete.

Nota di come non avresti dovuto disattivare il plugin prima di eliminarlo, così come devi fare nell'amministrazione di WordPress. Il processo di installazione/attivazione/eliminare è lo stesso per temi.

Post e pagine

Ci sono vari comandi di WP-CLI per gestire qualsiasi tipo di post, tra cui un modo per generare di massa i post.

Per prima cosa, ritorniamo l'elenco corrente dei post.

Ora, facciamo generare alcuni post.

Diamo ancora un'occhiata alla lista di post aggiornata.

Come puoi vedere, sono stati creati cinque nuovi posti, ognuno con un titolo generico e nessun contenuto. Possiamo generare qualsiasi numero di post e per qualsiasi tipo di post.

Questo genera tre nuove pagine con titoli generici e con nessun contenuto della pagina. Non sono troppo sicuro su quanto sia utile la generazione di massa dei post. Tuttavia, potrebbe essere molto utile per scopi di test.

Se vogliamo creare singoli post allora abbiamo pieno controllo sul contenuto del post. Creiamo un singolo post con un titolo specifico e il contenuto di esempio.

Questo crea un post con un titolo e contenuto specifico. Per impostazione predefinita, tutti i messaggi verranno creati con stato bozza, quindi se vogliamo che venga pubblicato subito dobbiamo impostare il parametro post_status su publish.

Creare una pagina con contenuto è altrettanto facile — semplicemente basta impostare il parametro post_type a page (questo è impostato di default a post).

Possiamo anche aggiornare i post esistenti utilizzando il comando update.

Assicurati che l'ID del post è corretto, altrimenti, avrai un messaggio di errore Attenzione: ID post invalido. E di nuovo, puoi aggiornare qualsiasi tipo di post, non solo dei post!

Come ti aspetteresti, è anche possibile eliminare i post via WP-CLI.

Questo manderà i messaggi nel cestino. Se si desidera ignorare questo e ed eliminare definitivamente un post allora devi aggiungere il parametro --force.

Nel complesso, credo che è abbastanza intuitivo per gestire i post via WP-CLI. Non sembra che avrei dovuto ricordare un sacco di dettagli, ogni volta che voglio creare o aggiornare un post.

Questo è ottimo come significa che sono molto più propenso a ritornare su WP-CLI anziché ad utilizzare furtivamente l'interfaccia utente di amministrazione di WordPress che è così accogliente a che sono più abituato.

Commenti WordPress

La gestione dei commenti è abbastanza simile ai post. Per vedere tutti i commenti sul tuo sito, è possibile utilizzare questo comando:

Attenzione però, questo potrebbe richiedere un po' di tempo se si hanno un sacco di commenti sul tuo sito!

Per creare un commento, utilizza il comando create di cui ora abbiamo familiarità.

Nota che per generare un commento, abbiamo bisogno di specificare un ID di un post esistente, così come pure il contenuto del commento.

Proprio come abbiamo fatto per i post, commenti di massa possono essere facilmente generati.

Assicurati di specificare il parametro count se non volete 100 commenti fittizi generati, perché il valore predefinito è 100!

Per eliminare un commento, è sufficiente utilizzare il comando seguente con l'ID del tuo commento e facoltativamente il parametro --force se si desidera ignorare l'invio nel cestino.

Ricorda, però, qui l'Id è un ID di commento e non un ID del post.

Risorse consigliate per WP-CLI

Questo è tutto per la nostra introduzione di base a WP-CLI. Di seguito un elenco di risorse se si vuole scoprire un po' di più e ampliare le tue conoscenze.

Conclusione

Abbiamo appena scalfito la superficie di che cosa si può fare con WP-CLI. Ma speriamo che adesso avrai abbastanza fiducia per approfondire WP-CLI e sperimentare con i comandi più avanzati.

Abbiamo imparato che cos'è WP-CLI e come esso può essere utile nel vostro sviluppo giorno dopo giorno di WordPress. Anche se i comandi che abbiamo coperto erano piuttosto essenziali, rimangono abbastanza utili!

Questa era la prima volta avevo personalmente usato WP-CLI, e col senno di poi posso dire onestamente che non so come sono riuscito senza di esso. È sicuramente qualcosa che vedo me stesso che lo usa molto di più.

Mi piacerebbe ottenere una certa esperienza con i comandi molto più complessi accanto per vedere realmente che cosa si può fare con WP-CLI.

Alcuni utenti, soprattutto i principianti, potrebbero essere messi fuori per il default raccomandato sul processo di installazione, penso. Questa è un peccato visto che WP-CLI è estremamente utile e tutti gli sviluppatori di WordPress dovrebbero almeno guardarlo.

È molto divertente, oltre ad essere utile. Se avete accesso a DesktopServer allora puoi sicuramente usarlo per installare WP-CLI — è davvero una follia.

Infine, se siete interessati in altro per lo sviluppo con WordPress, non dimenticate di controllare l'altro materiale di WordPress che abbiamo qui su Envato Tuts+.

Utilizzi già WP-CLI, o questo è stato la tua prima volta a sperimentarlo? Se sì, come ci sei arrivato? Mi piacerebbe sentire i vostri commenti!

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Looking for something to help kick start your next project?
Envato Market has a range of items for sale to help get you started.