Unlimited Plugins, WordPress themes, videos & courses! Unlimited asset downloads! From $16.50/m
Advertisement
  1. Code
  2. WordPress

Progetti di internazionalizzazione WordPress: Aggiornamenti con WordPress 4.6

by
Difficulty:BeginnerLength:ShortLanguages:
This post is part of a series called Internationalizing WordPress Projects.

Italian (Italiano) translation by Marco Calcanti (you can also view the original English article)

Per tutta questa serie, abbiamo coperto esattamente cosa dovete fare per internazionalizzare i progetti di WordPress. Se non avete letto uno dei post precedenti, vi consiglio di controllarli.

Se ci sono state alcune modifiche al funzionamento di internazionalizzazione e localizzazione in WordPress 4.6, questo non significa che le esercitazioni precedenti sono irrilevanti. Significa solo che cambierà il modo in cui si opta per distribuire i plugin e le loro localizzazioni.

E questo è quello che andremo a spiegare in questo tutorial.

Prima di iniziare

Come accennato, in questo tutorial si presuppone che tu abbia appreso tutto ciò che abbiamo discusso finora in questa serie. Questo include:

  • Informazioni sull'internazionalizzazione e perché è importante.
  • Come impostare un ambiente di sviluppo per lavorare con il codice di esempio.
  • Capire la localizzazione (e la differenza con internazionalizzazione).
  • Come utilizzare gli strumenti per iniziare a tradurre le stringhe internazionalizzate.

Se nessuna di queste ha un senso, quindi si prega di rivedere la serie. Se ti senti sicuro di poter spiegare o utilizzare ciascuno dei punti precedenti, allora sei pronto per procedere.

Comprensione dei cambiamenti

La cosa bella di questo tutorial è che è più informativo quanto teorico (o pratico, per quella materia). Cioè, non ci sarà alcun codice da dimostrare. È solo di diffusione delle informazioni e assicurandosi che sai cosa usare e quando.

Prima di arrivare troppo a fondo nell'argomento, torniamo indietro un pò a parlare dell'intero processo di internazionalizzazione di WordPress e come funziona con il di caricamento dei file localizzati.

Funzionamento di internazionalizzazione e localizzazione

I concetti di internazionalizzazione e localizzazione sono relativamente facili da capire, ma sono anche facilmente confusi (quando ho iniziato il mio lavoro in WordPress, anche io ho usato impropriamente i termini).

L'internazionalizzazione è il processo di sviluppo del tuo plugin, quindi può essere facilmente tradotto in altre lingue.

Così, questo è il modo di preparare tutte le stringhe di testo leggibili nel nostro plugin che devono essere tradotti per altre impostazioni locali.

La Localizzazione, quindi, è l'atto di tradurre effettivamente le stringhe e contenerle nel language pack che sarà poi caricato da WordPress a seconda le impostazioni internazionali che vengono impostate durante l'installazione.

Ad esempio, diciamo che costruisco un plugin e sto usando l'inglese americano, o nelle impostazioni locali en_US come si può vedere scritto. Allora si andrà a vedere tutto il testo che ho scritto nella mia lingua.

Ma cosa succede quando qualcuno che vuole usare il plugin vuole tradurlo in spagnolo? In primo luogo, la persona responsabile utilizzerà uno strumento come POEdit per fornire le traduzioni per tutte le stringhe.

Quindi, lei o lui memorizzerà queste nella directory languages (o qualunque directory viene utilizzata). Il file deve essere denominato sulla base delle impostazioni internazionali per il quale è collegato. In questo caso, es_ES.

The languages directory for Debug Bar

Quando il plugin viene caricato in un'installazione di WordPress il quale è stato installato su una macchina che ha le impostazioni internazionali es_ES impostato come sue impostazioni predefinito, il file di localizzazione verrà caricato e sostituirà tutte le stringhe tradotte con i rispettivi equivalenti di spagnolo.

E per un lungo periodo, questo è come ha funzionato il processo di internazionalizzazione. Inoltre, se stai optando per distribuire i plugin all'esterno del Repository di Plugin di WordPress, questo è qualcosa che si dovrà ancora fare.

Ma che dire di quei plugin distribuiti nel repository?

Traduzioni di just-in-Time

In informatica, c'è un concetto di JIT (just-in-time), e spesso sentiamo che e indicato come compilazione "just-in-time".

In informatica, compilazione just-in-time (JIT), conosciuta anche come traduzione dinamica, è fatta durante l'esecuzione di un programma – in fase di esecuzione – piuttosto che prima dell'esecuzione di compilazione.

Nell'ultima release di WordPress, che è WordPress 4.6, i plugin internazionalizzati seguendo un protocollo specifico sono in grado di sfruttare il vantaggio della localizzazione di just-in-time. Dal Make WordPress blog, questi cambiamenti possono essere riassunti come segue:

Poiché i file tradotti sono solitamente all'interno di wp-content/languages, WordPress ora analizza tale directory per le traduzioni disponibili e li carica automaticamente se viene rilevato un text domain per la prima volta.

Che cosa significa questo per noi sviluppatori? In breve, significa che se noi stiamo distribuendo il nostro lavoro attraverso il Repository di Plugin WordPress, WordPress prima scansionerà la sua libreria di traduzioni per vedere se ne esiste una per il plugin attuale e sulle impostazioni locali. Se ne rileva uno, verrà utilizzato quello.

Se non viene rilevata nessuna traduzione, due cose possono accadere:

  1. Il plugin semplicemente non sarà localizzato.
  2. Il plugin utilizzerà il file di localizzazione che è incluso con il plugin.

Ci sono alcune avvertenze a questo nuovo approccio, però:

  1. Non è più necessario chiamare load_plugin_textdomain() nel nostro plugin WordPress 4.6-basato.
  2. Se hai l'abitudine ad utilizzare unload_textdomain(), è necessario caricare manualmente le traduzioni dopo la chiamata, se si desidera utilizzarli ancora.

Anche se sono semplici, consiglio vivamente di leggere the blog post nella sua interezza per capire come funziona, la funzionalità, e come si applica al lavoro che stai facendo giorno per giorno.

In generale, trovo questa funzione incredibilmente bella. Ci dà la possibilità di distribuire i plugin che possono già avere traduzioni disponibili e che possono essere caricati tramite WordPress.

Detto questo, non credo che è una scusa per non raggruppare i file internazionalizzati. Dopo tutto, se non viene trovato un language pack, occorrerà ancora caricarli dalla directory languages.

E se l'obiettivo finale è di avere più elastici, robusti plugin disponibili, non dovremmo contare su qualcosa che potrebbe non esistere. Invece, speriamo per il meglio, ma prepariamoci per il peggio.

Conclusione

E con questo, abbiamo coperto ogni cosa su come WordPress gestisce internazionalizzazione e localizzazione per i plugin che sarà disponibile nei Repository di Plugin di WordPress e sia per quelli che si potranno distribuire attraverso i propri canali.

Se siete interessati a saperne di più su WordPress da una prospettiva di sviluppo, si noti che lavoro esclusivamente con WordPress e spesso scrivo su di esso. Si possono vedere tutti i miei corsi e tutorial sulla mia pagina di profilo, e potete seguirmi sul mio blog e/o Twitter a @tommcfarlin dove parlo di sviluppo software nel contesto di WordPress.

Come sempre, se state cercando altre utility per aiutarvi a costruire il bagaglio tecnico per WordPress o ad esempio codice da studiare e diventare più esperto in WordPress, non dimenticate di vedere ciò che abbiamo disponibile nel mercato di Envato.

Non esitate a lasciare qualsiasi domanda o commento nel feed sotto, con lo scopo di rispondere a ciascuno di essi.

Risorse correlate

Ci sono un numero di risorse elencate di seguito. Nota che questi provengono da esercitazioni precedenti così come quello che è stato menzionato in questo tutorial, pure. Tutto questo per dire, se avete letto il precedente tutorial si dovrebbe avere una buona preparazione. Se hai optato per non farlo, almeno rivedere i collegamenti qui sotto.

Si noti inoltre che si può essere interessati a scaricare il progetto demo per esaminare il codice sorgente e vedere come funziona. Questo è vero soprattutto se siete in cerca di qualcosa di fuori di WordPress Plugin Repository di mercato.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Looking for something to help kick start your next project?
Envato Market has a range of items for sale to help get you started.